di Elio Clero Bertoldi
 
Il sostituto procuratore Giuliano Mignini, 62 anni, passa dalla procura della repubblica di Perugia di piazza Partigiani, alla procura generale presso la corte d'appello dell'Umbria di piazza Matteotti. Mignini sarà dunque il secondo sostituto, dopo Dario Razzi della procura generale, che è retta dal capo Giovanni Galati e dal vice Giancarlo Costagliola.
Il magistrato Mignini ha avuto una esposizione internazionale avendo gestito, le indagini e poi il processo (insieme alla collega Manuela Comodi) dell'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher. Nel giudizio di Appello lo stesso procuratore generale Galati, oltre a Costagliola, erano stati in aula al fianco di Mignini e Comodi. La tesi accusatoria, come si ricorderà, non venne accolta e Amanda Knox e Raffaele Sollecito, condannati in primo grado, vennero assolti.
 

Mignini è così noto nei paesi anglofoni che, addirittura, Wikipedia gli ha dedicato una pagina sul web.
Perugino doc, Mignini ha svolto la sua carriera prima a Volterra, poi a Perugia alla procura circondariale e, dopo la chiusura di quest'ultima, alla procura della repubblica, per 24 anni complessivi, fino ad oggi, di attività quale magistrato inquirente.
Oltre alle indagini sul caso Kercher, Mignini ha gestito anche l'inchiesta sulla morte del gastroenterologo perugino Francesco Narducci, indagine collegata al caso sul Mostro di Firenze.
Sia la vicenda Kercher, sia il caso Narducci, sono ancorain attesa della sentenza definitiva della Cassazione.
Molto clamore suscitò anche l'arresto della pornostar Brigitta Bulgari, cheisto daMignini e autorizzato dal gip, per uno spettacolo hard, fatto secondo l'accusa, anche davanti a dei minori. La Bulgari, privata della libertà per 11 giorni, era stata poi assolta.
 

Condividi