L’azienda più performante nel settore della grande distribuzione alimentare, nel 2012. È questa la motivazione con cui PAC 2000A Conad è stata premiata come “Company to watch 2012” da Databank, l’agenzia di analisi per il marketing aziendale, bancario e per il mondo degli affari, che fa parte di Cerved Group, leader nel campo della business information (uno dei principali settori dell’industria dell’informazione). PAC 2000A rappresenta la maggiore tra le cooperative aderenti a Conad, a sua volta tra le più grandi aziende di distribuzione organizzata nel centro sud Italia; ha una base associativa in continuo rafforzamento nelle quattro regioni in cui opera Umbria, Lazio, Campania e Calabria, grazie anche a recenti acquisizioni (Despar in Campania e Billa in Umbria e Lazio), e una rete di vendita multicanale, focalizzata su supermercati di prossimità e superstore, format maggiormente performanti, che raggiungono il 75,5 per cento del fatturato totale del gruppo.
 
E ancora, ha un’organizzazione logistica a sostegno dell’espansione della rete di vendita, con all’attivo quattro centri, uno dei quali, quello di Fiano Romano, è fra le più grandi piattaforme distributive d’Europa. In ultimo, beneficia delle campagne promozionali organizzate a livello centrale da Conad, big spender negli investimenti settoriali (con una spesa, nel 2011, in forte crescita, più 37,8 per cento, rispetto al 2010). Questi i punti di forza che hanno portato Databank a considerare la cooperativa di origini umbre, che mantiene direzione e centro operativo a Perugia, strategicamente la migliore nel settore di mercato di riferimento.
 
“Il riconoscimento ‘Company to watch’ – spiegano dall’agenzia d’analisi di marketing – viene assegnato a società che, oltre ad aver ottenuto performance di vendite al di sopra della media settoriale e un buon livello di Ebitda/ricavi (utile prima di interessi passivi, imposte e ammortamenti su beni materiali e immateriali, in rapporto ai ricavi), ha consolidato la leadership e conquistato vantaggio competitivo su fattori critici di successo nel proprio settore, o in un ambito di specializzazione più ristretto, e acquisito un elevato potenziale di crescita nel breve e medio termine. PAC 2000A Conad ha, inoltre, adottato un modello di business coerente con l’evoluzione del settore e attuato particolari strategie di innovazione di prodotto o processo, vincenti o comunque distintive, rispetto al grado di innovazione settoriale”.
 
La più grande cooperativa di Conad, insomma, si dimostra una società in ottima salute che, nel 2011, ha fatto registrare un fatturato di 1.937,1 milioni di euro (+7,1 rispetto al 2010), un giro d’affari al dettaglio della rete retail di 2.870 milioni di euro e una quota di mercato pari al 3,1 per cento. Come si diceva, il canale più performante è stato quello dei superstore, che hanno beneficiato di interventi di riqualificazione dei punti vendita, con la rivisitazione di assortimenti e tecniche espositive e della valorizzazione di alcuni reparti. “La cooperativa – spiegano ancora da Databank – si avvale di una struttura commerciale in grado di assolvere un duplice compito: accumulare risorse per gli investimenti aziendali a sostegno dello sviluppo della rete associata e della realizzazione di partecipazioni in società promosse dai soci, da un lato, rappresentare lo strumento di affermazione e successo della rete, attraverso un’ottimale scelta commerciale al cliente, in termini qualitativi e di prezzo, dall’altra”.   

Condividi